A tavola con i Florio

Cordon bleu di melanzane

0

Kahlil Gibran…e dividetevi i piaceri, sorridendo nella dolcezza dell’amicizia. Poi che nella rugiada delle piccole cose non il cuore scopre il suo mattino e si conforta.
I piaceri della tavola, anche quelli vanno divisi con chi abita il nostro cuore, e non occorrono sempre pregiati ingredienti per fare della buona cucina. In tempi lontani anche i nobili ed i ricchi, specie durante e subito dopo la grande guerra, dovevano far gioco forza con la scarsità di ingredienti, e si giostrava con l’estro, per dar vita comunque a piatti degni della loro tavola. La moglie di Vincenzo Florio era francese, originaria di una famiglia di proprietari terrieri dello Champagne, amante  della buona e raffinata cucina, diede vita ad alcune pietanze che consentivano di fare economia, ma di tenere alto il decoro e la fama della famiglia Florio. Ed ecco nascere la ricetta del “Cordon blue …di melanzane”Ingredienti:Melanzane tunisine, prosciutto cotto, scamorza o mozzarella, uova, pangrattato, sale pepe, farina, olioTagliate le melanzane a fette spesse almeno di 3 cm di spessore, salatele e fatele sgocciolare, butteranno tutto l’amaro, lavatele ed asciugatele  bene.A questo punto ogni fetta sarà tagliata in orizzontale in modo da formare una tasca, dove metteremo una fetta di prosciutto e il formaggio, chiudete e passatela leggermente a farina, poi nell’uovo sbattuto, salato e pepato, ed infine nel pangrattato. Friggete in abbondante olio caldo e servite in compagnia di una buona porzione di ” Spinaci inglesi”

Spinaci Inglesi

Gli spinaci inglesi è anch’essa una ricetta di casa Florio, e sicuramente l’aggettivo inglese fu dato perché le ortiche da sempre sono un ingrediente molto usato dagli inglesi.Ingredienti:  ortica abbondante , cipolla, aglio, olio, sale, pepe.Fate rosolare, in olio abbondante, la cipolla affettata finemente e l’aglio (intero o tritato secondo i gusti) e dopo aver lessato l’ortica, aggiungetela e fatela insaporire. Servire tiepida.In attesa Auguri per un nuovo anno scoppiettante 

Lorenza Di Liberto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here