Fave cotte fresche o secche un successo assicurato!

0

Eccoci non con grandi ricette ma con suggerimenti per potere utilizzare ortaggi comuni, ed essere consapevoli di ciò che mangiamo e di quanto nutrimento importante loro ci regalano. Parliamo delle fave oggi, un ortaggio molto conosciuto dalle nostre parti che si presta ad innumerevoli ricette, ma prima vi elenco i pregi che esse posseggono. In cento grammi di fave troviamo tanta ricchezza, potete constatare voi stessi dalla tabella qui sotto. Adesso possiamo usufruirne a volontà, in quanto in Sicilia vengono coltivate da tempo memorabile, ma per l’inverno? Possiamo conservarle si, vi dico come. A stagione alta delle fave fresche, quando saranno grosse e relativamente dure, scegliete le migliori e togliendo anche la seconda scorza, mettetele ad asciugare al sole per sei sette giorni,(rientrandole la sera). Quando saranno ben secche, mettetele in sacchetti di juta, in modo che filtri comunque aria e possano conservare il loro verde. Con la pasta, preferibilmente ditalini, farete delle ottime minestre. Ma adesso che è la stagione buona, cucinatele in tegame con tutta la buccia e abbondante cipollotto, olio, sale e pepe, fatele rosolare e poi aggiungete acqua fino a coprirle. Quando saranno cotte, mettetele al piatto, spolveratelo con mollica e al grill fategli fare la crosticina e servitele con fette di buon pane fritto all’antica .

Se poi volete godervi una crema di fave deliziosa eccola di seguito. 600 g di fave già sgusciate e prive anche della seconda pelle 3 patate preferibilmente “vecchie” perché farinose finocchietto selvatico, olio, sale e pepe. Mettete tutti gli ingredienti in una pentola di coccio, fatele cuocere e poi frullate il tutto per ottenere una saporita crema alla quale potete aggiungere se vi piace un po’ di cicoria che aggiunge quella punta di amaro che arricchisce la crema. Servite con crostini e buon appetito. Chiudo con un proverbio siciliano Quannu la mennula ciurisci a jinnaru un va mai ‘nta lu panaru. Quannu la spica pinnulia di latu Lu patruni la guarda cunsulatu.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here