Jennifer Lombardo Oro alla Coppa del Mediterraneo: “Grazie alle Fiamme Azzurre ho realizzato i miei sogni da atleta”

0

Jennifer Lombardo, grazie all’impegno ed alla determinazione che la contraddistinguono, agli inizi di ottobre è riuscita a conquistare ben tre medaglie d’oro alla Coppa del Mediterraneo, categoria 55 kg, con ottimi risultati: 86 kg di strappo, 108 di slancio, per un totale di 194 kg, segnando un nuovo primato italiano. Jennifer, di origini villabatesi, fa parte del gruppo sportivo delle Fiamme Azzurre (Polizia Penitenziaria) e al momento vive a Bari dove può dedicarsi interamente all’attività agonistica. Ha cominciato prestissimo a praticare questo sport, ricorda che la prima volta in cui si recò in palestra aveva appena otto anni, chiaramente le venne detto di ritornare quando fosse più cresciuta, e Jennifer non volendo praticare altri sport, attese pazientemente di aver compiuto undici anni per poter finalmente cominciare ad allenarsi. Jennifer Lombardo ha sempre ottenuto dei buoni piazzamenti nelle competizioni sportive, ed ha un medagliere di tutto rispetto, solo negli ultimi due anni è stata medaglia d’argento in Georgia negli Europei del 2018 ed a giugno 2018 ai Giochi del Mediterraneo a Tarragona medaglia d’oro. Purtroppo dopo questa gara Jennifer ha riportato una lesione abbastanza pesante al gomito sinistro, che l’ha costretta a 6 mesi di recupero, motivo per il quale è stata costretta a saltare un mondiale. “La ripresa è stata dura – ci racconta Jennifer – perché in questo sport appena ci si ferma anche per una settimana si perde tutta la forza delle gambe. Ho avuto la fortuna di poter stare in ritiro a Roma al Centro Sportivo Acqua Acetosa, dove ho avuto la possibilità di curarmi ed allenarmi con altri atleti. Questo mi ha giovato molto sia emotivamente che fisicamente, tanto che a ottobre ho potuto gareggiare a San Marino. Questa di San Marino è una gara importantissima per noi atleti della pesistica, perché ospita alcuni dei migliori atleti del mondo e serve ad accumulare sia punti per partecipare al mondiale successivo, sia perché è una delle 6 tappe, che sommate alle altre daranno un punteggio che garantirà alle prime posizioni l’accesso all’Olimpiade del 2020.”

Jennifer, scusa, ma la domanda da donna a donna mi sorge spontanea. Una ragazza che sceglie la pesistica non è facile da incontrare, cosa è che ti ha affascinato in questo sport?

Tante persone hanno la visione della ragazza come di una creatura delicata un poco più debole dell’uomo e che sia anche emotivamente meno forte e più fragile. Ma non è sempre così. Noi donne siamo combattive. E’ vero la pesistica al femminile può apparire strana come sport ma personalmente mi sono sempre trovata meglio con i ragazzi. Ho praticato anche altri sport da piccola ma, niente da fare, per me la pesistica è sempre stato il mio unico sport, in questo mondo mi sono trovata veramente bene, mi sono appassionata ho trovato degli amici. La pesistica è uno sport completo, perché se ci riflettiamo è stato il primo sport al mondo. Già nell’antica Grecia, dove c’era il culto del corpo perfetto, veniva praticato dagli atleti per allenarsi e tenersi in forma. Adesso per esempio va di moda il CrossFit che è uno sport dove si usano anche i pesi. In qualsiasi altro sport che si pratica per allenarsi si usano sempre i pesi: per rinforzare la muscolatura, per essere più stabili. Il rischio di perdere la femminilità praticando questo sport è da mettere in conto, ma qui entra in ballo la genetica, fortunatamente io non sono predisposta a mettere tanta massa muscolare, per cui benchè faccio questo sport dall’età di 11 anni peso 55 kg, i muscoli si vedono ma non ho un fisico mascolino anzi mi ritengo abbastanza femminile con le mie curve.

Confermo, sei una bellissima ragazza! Progetti futuri?

Per il momento mi sto allenando per le Olimpiadi del 2020 di Tokyo. Sto cercando, come ho sempre fatto e come continuerò a fare, di impegnarmi per le gare di qualificazione che si svolgeranno fino ad aprile dell’anno prossimo. Bisogna totalizzare dei punti durante queste gare ed alla fine chi ha totalizzato più punti si qualificherà per le Olimpiadi. Sempre nel 2020 ci saranno i Giochi del Mediterraneo, altra tappa importante nella carriera di noi atleti. Ma per arrivare a fare tutto questo ci vogliono tanti sacrifici, non solamente miei ma anche di chi mi sta accanto ecco perché ringrazio la mia famiglia che mi ha permesso di arrivare fino a qui, il mio allenatore Giuseppe Alessandro Ficco , la Fipe la mia Federazione che mi ha sempre supportata, le Fiamme Azzurre che mi hanno permesso di allenarmi bene e mi hanno concesso per tanti anni la pratica di questo sport ed infine il mio ragazzo, che mi sostiene e mi aiuta a sopportare le fatiche a cui sono sottoposta”.

E noi tutti Jennifer faremo il tifo per te!

di Giuseppina Tesauro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here