POMARA: FRA L’VII INFIORATA E L’ICONA DI SANT’AGATONE UNA COMUNITA’ IN FESTA

Ricordiamo la festa dello scorso anno

0
Infiorata 2019 (foto di dott. Domenico Di Vincenzo)

Per riflettere su come e quanto sia cambiata la nostra vita in questo periodo, basta guardarci un pò indietro. Cosa facevamo negli scorsi anni di questi tempi? Abbiamo visto scorrere il calendario davanti ai nostri occhi, le feste della liturgia cristiana vissute nel silenzio e lontani dalle nostre parrocchie, hanno lasciato nei credenti la voglia di tornare a “fare comunità”.Dopo il periodo di chiusura ecco arrivare una maggiore libertà, e il Corpus Domuni è la prima grande fessta che abbiamo avuto modo di poter celebrare. Questo è un momento “forte” del nostro Credo e richiede un onore ed un tributo devozionale maggiore, in quanto il Vero Corpo di Cristo esce dal Tabernacolo e viene a visitare il suo popolo. A Pomara da parecchi anni il Cristo viene portato in processione su un tappeto di fiori, che mani sapienti e devote preparano durante la notte, creando la famosa Infiorata artistica: spettacolo per gli occhi e per il cuore dei fedeli. Anche quest’anno, malgrado tutto si è realizzato un piccolo quadro, segno di una tradizione iniziata dieci anni fa e che vuole proseguire nonostante tutto. Il Siciliano web news ringrazia ancora una volta l’associazione Pomara 2001 ed i volontari per il loro impegno. Così per ricordare e rivivere i giorni di festa vi riproponiamo l’articolo dello scorso anno. Buona lettura.

Apposizione Icona realizzata da Giuseppe Tuzzolino presso la Chiesa di Sant’Agatone papa (Pomara)

Giorni di festa per la piccola comunità di Pomara. E’ stata posizionata nella piccola chiesetta di Pomara l’icona di Sant’Agatone  con una solenne celebrazione liturgica. Benchè la  parrocchia della borgata già dagli anni ’60 fosse stata intitolata dall’Arcivescovo E. Ruffini a Sant’Agatone Papa, nessuno prima di adesso aveva mai pensato di apporre un’immagine raffigurante il Santo Patrono della parrocchia, né tanto meno a qualcuno era mai venuto in mente di documentarsi su chi fosse questo Papa e su che cosa avesse mai fatto durante il suo pontificato. Ci hanno pensato  i soci dell’Associazione Pomara 2001 a farsi interpreti di un desiderio che negli ultimi tempi stava cominciando a crescere fra gli abitanti di Pomara cosicchè grazie anche all’interessamento del consigliere Giuseppe Alaimo si è arrivati al raggiungimento di questo obiettivo: “ l’idea nasce circa un anno fa – dice Alaimo insieme all’Associazione Pomara 2001, in quanto abbiamo riflettuto sul fatto che questa Chiesa non aveva mai avuto una figura che rappresentasse il suo Santo. Insieme ai ragazzi abbiamo pensato di fare realizzare un icona che lo raffigurasse. Abbiamo fatto diverse richieste al Comande della Polizia Municipale Giuseppe Tuzzolino, noto artista villabatese, ed anche lui ha preso a cuore questa iniziativa.  Quindi si è messo al lavoro per realizzare  questa meravigliosa opera. Io ho contribuito, donando parte della mia indennità di consigliere comunale all’Associazione, che ha acquistato i materiali per la realizzazione dell’icona, che come si può ben notare è in larga parte composta da oro 24kt. Giuseppe Tuzzolino ha realizzato gratuitamente il lavoro ed ha provveduto alla stesura di un libretto dove non solo spiega la simbologia dell’icona, ma delinea  anche la figura di Papa Agatone dal punto di vista storico, che per molti di noi era sconosciuto.”  Il parroco della Chiesa, Padre Sisto, vede in questa icona un simbolo di unità per questa parrocchia, dove per tanti anni il Santo Patrono è rimasto sconosciuto e dimenticato: “E’ stato un grande piacere ed un’opportunità questo momento che abbiamo vissuto. In questa parrocchia mancava la raffigurazione del  Santo Papa Agatone, il patrono della parrocchia. La cui figura è il segno di unità, protezione e festa per i parrocchiani. Un punto di riferimento per tutte le parrocchie che qui invece mancava. Il santo Patrono è anche una figura di santità a cui i fedeli si ispirano e che cercano di imitare per avvicinarsi di più al Signore. Questo rappresenta un grande passo avanti anche nella crescita spirituale di questa parrocchia ed ho notato che i fedeli lo hanno molto apprezzato. Come già ho detto, festeggeremo solennemente la sua ricorrenza proprio come in tutte le altre Chiese. Ho notato con dispiacere  che è un Santo  sconosciuto, quando invece è stato un Papa palermitano, ma soprattutto fondamentale nella storia della dottrina cristiana. Su Papa Agatone mancavano le informazioni e la storia, nessuno sapeva ad esempio che  ha lottato contro l’eresia del monotelismo, riaffermando  il principio teologico  che Gesù è Vero Dio e Vero Uomo, confermando la presenza delle due volontà in Gesù Cristo.” Adessola parola a chi ha dato un volto a questo Papa e ne ha anche tracciato il profilo biografico: il Comandante Giuseppe Tuzzolino, il quale  è anche Insegnate di Cristologia nella Scuola Teologica di Base dell’Arcidiocesi di Palermo:

Comandante della Polizia Municipale di Villabate dott. Giuseppe Tuzzolino

I Soci dell’Associazione Pomara 2001 mi conferivano nel 2018 l’incarico di realizzare un immagine di Sant’Agatone, all’inizio avevo aderito con qualche perplessità. L’iconografo deve prima concepire l’opera dentro di se perché è qui che avviene la visione interiore dell’Ineffabile. Studiando le fonti trovai una figura di grande rilevanza umana e cristiana, ed ho notato  che, malgrado come docente avessi affrontato l’eresia monotelita nel mio programma didattico, non conoscevo questo Papa siciliano che invece la combattè strenuamente. Sono lusingato di aver dato forma e colore a questo Santo così illustre. L’icona di Papa Agatone segna un punto di partenza per i fedeli, che da ora in poi potranno associare il nome ad un’immagine”. E che immagine, mi vien voglia di esclamare! Tanta parte in questo progetto ha avuto quindi l’Associazione Pomara 2001, ed è Antonio Alessi vicepresidente dell’Associazione  che con grande orgoglio mi racconta di come è stata vissuta dall’intera comunità la messa solenne in cui finalmente la tanto sospirata icona ha trovato posto nella loro Chiesa:

Pomara è una piccola borgata, ma ha anche la sua storia,  questa piazza con la Chiesa è il centro di una unità abitativa che si è a poco a poco allargata andandosi espandendo e creando questo piccolo paesino. Il giorno dell’intitolazione dell’icona abbiamo vissuto un momento bellissimo, per noi molto importante.  Sia come parrocchiani che come associazione, siamo stati orgogliosi di regalare questa emozione a Pomara, perché quando abbiamo promosso la realizzazione di un dipinto che raffigurasse il Papa Agatone a cui è stata intitolata la nostra Chiesa, abbiamo capito che stavamo facendo un passo avanti nella crescita spirituale. E’ stato molto commovente vedere qui durante la messa i parroci che negli anni sono stati nella nostra parrocchia, Padre Francesco Baiamonte, Padre Angelo Arcuri, che era da molto tempo che non venivano qui e che sono stati accolti con immensa gioia. Noi come Associazione   cerchiamo di fare qualcosa soprattutto per i giovani e per i bambini del paese. Come la nostra splendida Infiorata del Corpus Domini che è un grande orgoglio per tutti noi e che realizziamo per l’ottavo anno consecutivo  E’ un lavoro che coinvolge non solamente noi come associazione ma tante altre persona che vengono ad aiutarci volontariamente”. Ed a proposito di infiorata, non possiamo farci sfuggire l’occasione di apprezzarne ancora una volta il lavoro, oltre  alla bellezza, che c’è dietro la preparazione di questo “tappeto di petali” sul quale camminerà il SS. Sacramento a conclusione della processione del Corpus Domini.

Il Consigliere   Giuseppe Alaimo  dichiara :“Questa è l’ ottava edizione dell’infiorata di Pomara, che vede quest’anno anche un  finanziamento grazie all’impegno dei fondi ottenuti con la raccolta delle firme del progetto presentato alla gara per la Democrazia Partecipata e che è stato sostenuto da me e da alcuni consiglieri come Anna Maria Cilluffo, Elvi Tango, RosariaSemilia, Antonino Retaggio, Francesco Lombardo e dal Presidente del Consiglio Giovanni Pitarresi.  Devo ringraziare quindi i tanti cittadini pomaresi ma anche villabatesi che hanno sostenuto questo progetto dell’infiorata. Per noi sembra incredibile ormai vedere come questa infiorata sta crescendo di anno in anno tanto che viene a trovarci anche gente da fuori e molti sono i volontari che la notte del sabato ci vengono a dare una mano per realizzarla”. A dirigere i lavori la dott.ssa Arianna Castello, di professione restauratrice, che sembra proprio non avere un attimo di tregua, ma riesce comunque a scambiare due battute “ In  verità sono la coordinatrice del lavoro generale. Perché questo è un lavoro di gruppo, tutto si fa insieme: dalla scelta del disegno da rappresentare, alla parte grafica, alla preparazione dei fiori. Il tema è ovviamente quello religioso, quindi i diversi quadri raffigurano il calice, l’ostia, tutto ciò che riguarda il SS Sacramento. Quest’anno   abbiamo cambiato la disposizione dei disegni, rispetto agli altri anni piuttosto che seguire un andamento verticale abbiamo pensato a qualcosa che riempisse di più la piazza. Quando abbiamo cominciato con la prima edizione dell’infiorata è stata una scommessa con noi stessi, non sapevamo come fare né tantomeno se potevamo farcela, eppure siamo arrivati fino  qua. E’ una festa che coinvolge l’intera borgata, la gente risponde e noi speriamo sempre di ampliarne la realizzazione. L’infiorata è un opera effimera, dura una sola giornata, fin quando con la processione del Corpus Domini vi passa sopra il SS. Sacramento. La gente adesso sta cominciando ad apprezzare anche da fuori Pomara e Villabate e anche su Internet la nostra Infiorata viene citata insieme ad altre magari più famose”.  Il lavoro finito è davvero maestoso e se si pensa che a realizzarlo sono state un gruppo di persone, che hanno lavorato ininterrottamente dal pomeriggio del sabato fino alle sette del mattino della domenica, questo rende l’intera opera maggiormente apprezzabile. Grazie Associazione Pomara 2001 … alla prossima!

Foto di dott. Domenico Di Vincenzo

Giuseppina Tesauro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here